La fine dell’anomimato alimentare. Gli agricolotori comprano un LIDOL.

In Alsazia un collettivo di agricoltori ha comprato un supermercato della catena Lidl trasformandolo in un mercato di vendita diretta. Qui le logiche della grande distribuzione vengono ribaltate a tutto vantaggio della qualità dei prodotti, del rapporto di fiducia con i consumatori e della prosperità per l’economia locale.
Come poter fare per vendere i propri prodotti di verdura e frutta direttamente ai consumatori, evitando i distributori tradizionali che gravano sul prezzo finale e riducono all’osso il guadagno dei produttori? Questa è la domanda che si sono posti 35 agricoltori e contadini dell’Alsazia. La risposta è arrivata rapidamente: raggrupparsi per comprare un supermercato!
L’iniziativa contadina per andare oltre la grande distribuzione, è crescente soprattutto negli ultimi tempi. Dall’esempio di altri agricoltori dell’est della Francia, zona Colmar, Denis Diegal, capo del collettivo dei produttori agricoli di Sélestat, ci racconta come è nato questo progetto di riscatto in Alsazia.
“Il pensiero era sorto da molto tempo: sono un produttore di verdure e pratico la vendita al dettaglio da anni senza vendere i miei prodotti alla grande distribuzione, sia per via dei ricarichi addossati al consumatore, sia per il tipo di servizio che offrono. Insieme ad altri agricoltori e contadini abbiamo pensato di comprare un magazzino Lidl, per arrivare direttamente al consumatore. Il supermercato è stato ribattezzato Coeur Paysan (Cuore contadino). È un luogo di vendita diretta dal produttore al consumatore, dove gli agricoltori vendono regolarmente. È un mezzo per prodotti locali e valorizzare il savoir-faire ancestrale dei produttori, cioè quello che la grande distribuzione non vuole!”.
Per Denis Diegel e i suoi colleghi, l’obiettivo è anche rispondere a una domanda in aumento di prodotti locali, soddisfatta da produttori che orbitano tutti in un raggio di 40 km dal supermercato. “In termini di prezzi siamo più vantaggiosi rispetto ai grossisti, per esempio, sulle primizie che vendiamo a 10 euro al chilo, mentre nelle grandi distribuzioni il prezzo è di 12/13 euro; per altri prodotti, tipo i formaggi, siamo più cari perché la qualità del prodotto non è sicuramente la solita!”.

coeur2

Anche il modello economico del magazzino è diverso da quello della grande distribuzione: gli agricoltori e i contadini sono proprietari dei loro prodotti fino all’arrivo alla cassa del supermercato, dove viene imposta una commissione che va dal 22% al 32% da lasciare al magazzino; fino a lì i produttori sono responsabili dei loro prodotti con il consumatore, con cui trattano il prezzo faccia a faccia. Un altro obbligo dei produttori è la presenza nel supermercato in almeno due mezze giornate al mese. Questa presenza è apprezzata dai consumatori perché in questo modo hanno una trasparenza del prodotto che acquistano del 100%.
“È la fine dell’anonimato alimentare“, sottolinea Denis. “Abbiamo necessità del ritorno del consumatore con cui ci si confronta e per cui ci adeguiamo al suo bisogno! Per esempio dei clienti ci hanno chiesto gli involtini primavera per il Capodanno cinese……e li abbiamo finiti tutti velocemente!”.

Dentro al magazzino Coeur Paysan si possono scoprire e ritrovare varietà di frutta e verdura dimenticati nella grande distribuzione: è un cambio nutritivo e gustativo! In più si possono trovare prodotti freschi ad un giusto prezzo che remunera correttamente i piccoli produttori. Non è difficile immaginare che questo supermercato possa far nascere altri piccoli magazzini, basta che questa esperienza venga conosciuta e divulgata a più persone possibile e che altri agricoltori e contadini prendano esempio dai colleghi Alsaziani!

La corsa di Miguel.”Per te atleta, che disprezzi la guerra e sogni la pace”.

In questi giorni tutte le scuole statali di Roma partecipano alla corsa di Miguel .
Ma chi era Miguel Benancio Sánchez?

Nato a Bella Vista, del 1952 , Miguel si trasferì da adolescente a Buenos Aires dove ottiene un posto fisso alla banca della Provincia di Buenos Aires, ed inizia ad appassionarsi all’atletica.
Inizia ad allenarsi tutti i giorni prima e dopo il lavoro, a non fumare e a curare l’alimentazione perché il suo sogno era di vincere una medaglia olimpica per la sua Argentina.Correva Miguel, aveva la corsa nel sangue e amava il suo paese, l’Argentina, ma l’Argentina dei suoi 25 anni non amava lui e per la sola colpa di amare la vita, una sera di 40 anni fa, nella notte tra l’8 e il 9 gennaio 1978, Miguel Benancio Sanchez è stato preso diventando uno delle migliaia di desaparecidos di cui non si è saputo più nulla. Un giornalista sportivo italiano anni dopo, venuto a conoscenza di questa storia, ha voluto organizzare una corsa in suo ricordo ed ora la Corsa di Miguel è diventato un appuntamento internazionale per chi ama la corsa e soprattutto la libertà. La Corsa di Miguel oggi si corre anche a Buenos Aires, a Bariloche (Argentina), a Barcellona in Spagna, negli Stati Uniti e a L’Aquila dal 2009.

Ci teniamo a concludere l’articolo con una sua poesie “Para vós, atleta”, pubblicata dal quotidiano Brasiliano in occasione della corsa di San Silvestre 1977, terza ed ultima partecipazione alla gara.

“Per te, atleta.
Per te che sai di freddo,
di calore,
di trionfi e di sconfitte,
che no, non lo sono.
Per te che hai il corpo sano,
l’anima larga e il cuore grande.
Per te che hai molti amici,
molti aneliti,
l’allegria adulta,
il sorriso dei bambini.
Per te che non sai né di gelo né di sole,
né di pioggia né di rancori.
Per te, atleta,
che traversasti paesini e città,
unendo Stati nel tuo andare.
Per te, atleta, che disprezzi la guerra e sogni la pace”.
L’Argentina, nella sua storia, ha grandi ferite, ma quelle della dittatura militare e dei desaparecidos sono ferite spesso ancora aperte. Miguel Benancio Sanchez era un giovane che amava l’atletica e il suo Paese, ma l’Argentina dei militari non gli ha permesso di continuare a correre come avrebbe voluto e soprattutto ad essere un uomo libero. Fu portato via una notte e scomparve come tanti in quel buio momento della storia argentina. Una corsa, un appuntamento e una storia che ha anche ispirato un libro, “Sulle strade di Miguel“ di Sergio Pretto.Ora ragazzi liberi corrono anche per lui!

“DONNE” .Un romanzo al femminile di Camilleri .

Oggi parliamo di un romanzo di Camilleri uscito nel 2014, da pochi conosciuto anche se bellissimo dove si analizza con straordinaria capacità psicologica le donne, e non importa se l’autore le abbia veramente conosciute o no , conta che una volta inziata a conoscere la pesonalità delle tante protagoniste, il libro ti rapisca e avvolga come solo l’autore siciliano sa fare. Sono rappresentate
donne fiere che non cedono a minacce né a lusinghe, pronte ad affrontare il loro destino.
Donne misteriose che compaiono e scompaiono nel volgere di un viaggio in nave. Donne soavi e inebrianti, come la Sicilia. Sono loro le protagoniste di questo libro unico, viste da un Andrea Camilleri in carne e ossa, prima di diventare lo scrittore più amato d’Italia. Un intimo, giocoso catalogo delle donne che nel corso dei secoli gli uomini hanno di volta in volta amato e odiato.Consigliatissimo.

Sturtup: Veve l’orto verticale,da un anno in crescita le vendite.

Veve, acronimo che sta per “vertical veggie”, cioè vegetali in verticale, è una startup nata in Trentino che ha pensato di regalare un orto anche a chi vive in città e pensa di non avere abbastanza spazio. Grazie alla tecnologia studiata da Veve, in un solo metro quadro è possibile coltivare 200 piante, come se di metri quadri ne avessimo venti! È possibile grazie a un elettrodomestico, una sorta di torre (fatta da una struttura a incastro e una serie di tubi) che permette di posizionare le piante in verticale, e di nutrirle direttamente alla radice grazie all’areoponica, una tecnologia che permette di nutrire le piante direttamente alle radici: basta riempire il sistema d’acqua e attaccarlo a una presa elettrica.

L’orto sul terrazzo è sano, è verde, è conveniente (costa intorno ai 1500 euro, ma il costo è presto ammortizzato, produce fino a 200 chili di verdura l’anno e risparmia il 90% di acqua rispetto all’equivalente coltivazione su terra).

Lilo :il motore di ricerca sociale.

Ogni ricerca sul web, faguadagnare profitti al motore di ricerca, grazie inserzioni pubblicitarie. Per un anno di ricerche di ciascun utente, Google e gli altri search ottengono fra i 30 e i 50 euro.
Qualcuno si è domandato se era possibile redistribuire parte di questa ricchezza a progetti solidali.
Chi? Due giovani imprenditori francesi, Clément Le Bras e Marc Haussaire, che nel 2015 hanno lanciato Lilo.org, un motore di ricerca «etico», che destina la metà degli introiti raccolti con la pubblicità a progetti sociali e ambientali in tutto il mondo. Lilo è stato lanciato anche in Italia. La piattaforma funziona in quattro lingue e utilizza lo stesso algoritmo di ricerca dei motori più famosi, garantendo, quindi, ricerche accurate.
Lilo oggi in Francia conta oltre 600 mila utenti e ha già donato 912 mila euro. In Italia la community di navigatori che lo utilizza è ancora piccina – 4 mila persone – ma cresce di giorno in giorno e ha già donato 15 mila euro. Il denaro viene versato ogni mese, in tranche da 100 euro. Fra i progetti finanziati da «Lilo Italia» c’è ad esempio il progetto «Terre colte», nato in Sardegna per il recupero dei terreni abbandonati attraverso l’agricoltura sociale e la sana alimentazione, oppure «Animal Equality Italia» che combatte la crudeltà verso gli animali allevati a scopo alimentare. Fra i progetti all’estero spicca poi quello del WWF per la diffusione dell’energia pulita in Madagascar, dando lavoro alle donne e preservando il preziosissimo ecosistema di quest’isola. Lilo poi protegge la privacy e non raccoglie i dati di chi lo utilizza, per poi venderli agli inserzionisti.