news

news
i nostri progetti
la nostra rete



A CHI E' DEDICATA

Paola era una persona normale. Come la normalità è quando lo straordinario diventa quotidiano. Agiva non obbedendo a precetti, ma con un‘empatia istintiva, un impulso pre-politico,una radice antropologica, un‘indignazione naturale di fronte allo “scandalo delle disuguaglianze“. Capace di ascoltare, di condividere, di tollerare gli estremismi e di detestare i perbenismi.
Sono tante le cose che una persona può fare, se non vuole rivendicare il merito delle cose che fa. Non per modestia o snobismo, ma perché crede nel “noi“, di essere un pezzo di un insieme che crede nella solidarietà, nella gratuità del gesto, nel piacere e non nel dovere. Senza aspettarsi potere, ricompense, riconoscimenti. Infatti non gradirebbe nemmeno che se ne parlasse, di lei. Si chiedeva, ironicamente, “cosa farò da grande?" Ma è scesa troppo presto ed il viaggio continua. Quelli che l‘hanno conosciuta ne portano i valori condivisi. Altri “normali“ si possono riconoscere nell‘attenzione all ‘ “altro“, al diverso, allo svantaggiato, “a chi fa più fatica”, con rispetto e riconoscimento della ricchezza della diversità e delle differenze, senza malcelata condiscendenza, ma con la stessa dignità e stessi diritti.
Perché il giusto è anche vero e buono.  E anche bello.

"Quasi nessuno si accorge da solo del merito di un altro. Le persone sono troppo occupate di sé per avere agio di scorgere o distinguere gli altri: dal che proviene il fatto che con gran merito e una più grande modestia si possa restare a lungo ignorati".
Per questo l‘Associazione: per Paola e per gente come lei.



associazione per la FONDAZIONE PAOLA DECINI